Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro

Cerca all'interno del sito

CIRCOLARE N. 46/2000

11 luglio 2000

PROT. 21255/om-4

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
Direzione Generale Rapporti di Lavoro - Div. VII

OGGETTO: Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi di cui all’art. 30 del D.P.R. 7 gennaio 1956, n. 164.

 

ALLE DIREZIONI REGIONALI DEL LAVORO
LORO SEDI

ALLE DIREZIONI PROVINCIALI
DEL LAVORO
LORO SEDI

ALLA PROVINCIA AUTONOMA
DI TRENTO
Ripartizione Lavoro
Piazza Centa, 5
38100 TRENTO

ALLA PROVINCIA AUTONOMA
DI BOLZANO
Ripartizione Lavoro
Via Leonardo da Vinci, 7
39100 BOLZANO

ALLA REGIONE SICILIANA
Direzione Regionale Lavoro
Piazza Castelnuovo, 35
90141 PALERMO

All'ISPESL
Via Urbana, 167
00184 ROMA

Al CNR
Piazzale Aldo Moro, 4
00185 ROMA

Alla Confindustria
Viale dell'Astronomia, 30
00144 ROMA

All'ACAI
Viale Abruzzi, 66
20131 MILANO

All'ANCE
Via Guattani, 16
00161 ROMA

All'A.G.I.
Via Crescenzio, 38
00193 ROMA

All'ANIMA
Via Battistotti Sassi, 11/B
20133 MILANO

Alla CONFAPI
Via della Colonna Antonina, 52
00186 ROMA

Alla CNA
Via Guattani, 13
00161 ROMA

Alla CONFARTIGIANATO
Via S. Giovanni in Laterano, 101
00151 ROMA

Alla CASA
Via F. Ponzio, 2
00153 ROMA

Alla CONFCOOPERATIVE
Borgo S. Spirito, 78
00193 ROMA

Alla LEGA COOPERATIVE
Via Guattani, 9
00161 ROMA

All'A.G.C.I.
Via dei Fulvi, 47
00174 ROMA

All'U.N.C.I.
Via S. Sotero, 32
00165 ROMA

Alla CGIL
Corso d'Italia, 25
00198 ROMA

Alla CISL
Via Po, 21
00198 ROMA

Alla UIL
Via Lucullo, 6
00187 ROMA

Alla UGL
Via Margutta, 19
00187 ROMA

Alla CISAL
Via Giambattista Vico, 1
00198 ROMA

Al Consiglio Nazionaledegli Architetti
Via S. Maria dell'Anima, 10
00186 ROMA

Al Consiglio Nazionale degli Ingegneri
Via IV Novembre, 114
00187 ROMA

Come noto la costruzione e l’impiego dei ponteggi metallici fissi è regolata da numerose disposizioni via via succedutesi nel tempo, che di seguito si elencano per opportuna memoria:

  • D.P.R. 7 gennaio 1956, n. 164, (in particolare artt. 7, 30, 37), per la             prevenzione degli infortuni nelle costruzioni;
  • D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547,(in particolare art. 374), per la                           prevenzione degli infortuni sul lavoro;
  • D.M. del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 2 settembre 1968, riguardante misure tecniche di sicurezza per i ponteggi metallici fissi;
  • D.P.R. 24 maggio 1988, n. 224, riguardante la responsabilità per danno da prodotti difettosi;
  • D.M. del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 23 marzo 1990, n. 115, riguardante ponteggi con interasse fra i montanti superiore a metri 1,80;
  • D.M. del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 22 maggio 1992, n 466, sulle cinture di sicurezza per i ponteggi;
  • D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 115, (in particolare artt. 1, 2, 3), relativo alla sicurezza generale dei prodotti;
  • D. Lgs. 626/94, (in particolare artt. 6, 35, 36), per il miglioramento della sicurezza dei lavoratori;
  • D. Lgs. 359/99, ( in particolare artt. 2, 7), sull’uso delle attrezzature di lavoro;

Si ritiene inoltre opportuno elencare di seguito le circolari che regolano aspetti costruttivi e di uso dei ponteggi metallici fissi:

  • Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 9 novembre 1978, n. 85;
  • Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 22 novembre 1985, n. 149;
  • Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 15 maggio 1990, n. 44;
  • Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 24 ottobre 1991, n. 132;
  • Lettera circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 22 maggio 1982, prot. n. 22268/PR-7;
  • Lettera circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 9 febbraio 1995, prot. n. 20298/OM-4;
  • Lettera circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 21 gennaio 1999, prot. n. 22787/OM-4.

Si ritiene inoltre opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri, quali: la frequenza di utilizzo, il numero dei montaggi e smontaggi, il corretto stoccaggio dei componenti, l’ambiente di lavoro, l’utilizzo conforme all’autorizzazione ministeriale e lo stato di conservazione degli elementi costituenti lo stesso.
In relazione a quanto sopra, non essendo possibile stabilire una durata limite di vita del ponteggio, sono state elaborate le seguenti istruzioni, che ribadiscono i controlli minimali, ritenuti necessari, che l’utilizzatore deve eseguire prima del montaggio e durante l’uso del ponteggio, focalizzando, per le diverse tipologie costruttive, gli elementi principali in cui eventuali anomalie riscontrate potrebbero influire sulla stabilità complessiva del sistema o ridurre la sicurezza dei lavoratori.
In particolare, le schede che seguono elencano le verifiche che l’utilizzatore deve comunque eseguire prima di ogni montaggio, rispettivamente per i ponteggi metallici a telai prefabbricati, a montanti e traversi prefabbricati e a tubi giunti. L’ultima parte, infine, elenca le verifiche da effettuarsi durante l’uso delle attrezzature in argomento.

 

  1- VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO

   A -PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI

Elementi Tipo di verifica Modalità di verifica Misura adottata
GENERALE Controllo esistenza del libretto di cui all’autorizzazione ministeriale, rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Visivo Se non esiste il libretto, il ponteggio non può essere utilizzato. Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio
Controllo che gli elementi in tubi e giunti, eventualmente utilizzati, siano di tipo autorizzato appartenenti ad unico fabbricante Visivo Se il controllo è negativo, è necessario utilizzare elementi autorizzati appartenenti ad un unico fabbricante, richiedendone il relativo libretto
TELAIO Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento
  • Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo verticalità montanti telaio Visivo, ad esempio con utilizzo filo a piombo Se la verticalità dei montanti non è soddisfatta occorre scartare l’elemento
Controllo spinotto di collegamento fra montanti Visivo e/o funzionale Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo attacchi controventature: perni e/o boccole Visivo e/o funzionale

Se il controllo è negativo, occorre:

  • Scartare l’elemento, o
  • Ripristinare la funzionalità dell’elemento in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo orizzontalità traverso Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
CORRENTI E DIAGONALI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento
  • Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo linearità dell’elemento Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione collegamenti al telaio Visivo e/o funzionale Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
IMPALCATI PREFABBRICATI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento
  • Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo orizzontalità piani di calpestio Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo assenza di deformazioni negli appoggi al traverso Visivo e/o funzionale Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo efficienza dei sistemi di collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura, bullonatura e cianfrinatura)

Visivo:

  • Integrità del sistema di collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura
  • Assenza, nel sistema di collegamento, di cricche, distacchi ed ossidazioni penetranti per saldatura

Se il controllo è negativo:

  • Scartare l’elemento, o
  • Procedere, a cura del fabbricante del ponteggio, al ripristino dell’efficienza dei sistemi di collegamento
BASETTE FISSE Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo orizzontalità piatto di base Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
BASETTE REGOLABILI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo orizzontalità piatto di base Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo verticalità stelo Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della filettatura dello stelo e della ghiera filettata

Visivo e funzionale

  • Visivo: stato di conservazione della filettatura
  • Funzionale: regolare avvitamento della ghiera
  • Se i controlli, visivo e funzionale, sono negativi occorre scartare l’elemento
  • Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò non è possibile, scartare l’elemento

N.B.: Per le verifiche relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede, trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di sommità, scala, parasassi), riportati nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo, modalità di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per gli elementi sopraelencati.

   B -PONTEGGI METALLICI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI

Elementi Tipo di verifica Modalita' di verifica Misura adottata
GENERALE Controllo esistenza del libretto di cui all’autorizzazione ministeriale rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Visivo Se non esiste il libretto, il ponteggio non puo' essere utilizzato. Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio
Controllo che gli elementi in tubi e giunti, eventualmente utilizzati, siano di tipo autorizzato appartenenti ad unico fabbricante Visivo Se il controllo e' negativo, e' necessario utilizzare elementi autorizzati appartenenti ad un unico fabbricante, richiedendone il relativo libretto
MONTANTE Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non e' rilevabile, o e' difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l'elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo e' negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori e' negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l'elemento
  • Se il controllo degli spessori e' positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformita' alle modalita' previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo verticalita'

Visivo, ad esempio con utilizzo filo a piombo

Se la verticalita' del montante non e' soddisfatta occorre scartare l'elemento
Controllo spinotto di collegamento fra montanti Visivo e/o funzionale Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
Controllo attacchi elementi : Visivo e/o funzionale Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
TRAVERSO Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non e' rilevabile, o e' difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l'elemento
Controllo orizzontalita' traverso Visivo Se il controllo e' negativo scartare l'elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo e' negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori e' negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l'elemento
  • Se il controllo degli spessori e' positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformita' alle modalita' previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo stato di conservazione collegamenti ai montanti Visivo e/o funzionale Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento, o ripristinare la funzionalita' dell'elemento in conformita' alle modalita' previste dal fabbricante del ponteggio
CORRENTI E DIAGONALI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non e' rilevabile, o e' difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l'elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo e' negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori e' negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l'elemento
  • Se il controllo degli spessori e' positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformita' alle modalita' previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo linearita' dell'elemento Visivo Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
Controllo stato di conservazione collegamenti ai montanti Visivo e/o funzionale Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento, o ripristinare la funzionalita' dell'elemento in conformita' alle modalita' previste dal fabbricante del ponteggio
IMPALCATI PREFABBRICATI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non e' rilevabile, o e' difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l'elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo e' negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori e' negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l'elemento
  • Se il controllo degli spessori e' positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformita' alle modalita' previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo orizzontalita' piani di calpestio Visivo Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
Controllo assenza di deformazioni negli appoggi al traverso Visivo e/o funzionale Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
Controllo efficienza dei sistemi di collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura, bullonatura e cianfrinatura)

Visivo:

  • Integrita' del sistema di collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura
  • Assenza, nel sistema di collegamento, di cricche, distacchi ed ossidazioni penetranti per saldatura

Se il controllo e' negativo:

  • Scartare l'elemento, o
  • Procedere, a cura del fabbricante del ponteggio, al ripristino dell’efficienza dei sistemi di collegamento
BASETTE FISSE Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non e' rilevabile, o e' difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l'elemento
Controllo orizzontalita' piatto di base Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
BASETTE REGOLABILI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non e' rilevabile, o e' difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l'elemento
Controllo orizzontalita' piatto di base Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
Controllo verticalita' stelo Visivo Se il controllo e' negativo occorre scartare l'elemento
Controllo stato di conservazione della filettatura dello stelo e della ghiera filettata

Visivo e funzionale

  • Visivo: stato di conservazione della filettatura
  • Funzionale: regolare avvitamento della ghiera
  • Se i controlli, visivo e funzionale, sono negativi occorre scartare l'elemento
  • Se e' negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalita' (pulizia e ingrassaggio). Se ciò non e' possibile, scartare l'elemento

N.B.: Per le verifiche relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede, trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di sommita', scala, parasassi), riportati nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo, modalita' di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per gli elementi sopraelencati.

   C -PONTEGGI METALLICI A A TUBI GIUNTI

Elementi Tipo di verifica Modalità di verifica Misura adottata
GENERALE Controllo esistenza del libretto di cui all’autorizzazione ministeriale rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Visivo Se non esiste il libretto, il ponteggio non può essere utilizzato. Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio
TUBI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento
  • Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggi
Controllo verticalità Visivo, ad esempio con utilizzo filo a piombo Se la verticalità del tubo non è soddisfatta occorre scartare l’elemento
GIUNTI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo bulloni completi di dadi

Visivo e funzionale

  • Visivo: stato di conservzioneconservazione della filettatura
  • Funzionale: regolare avvitamento del dado
  • Se il controllo visivo è negativo occorre : sostituire il bullone e/o il dado con altro fornito dal fabbricante del giunto
  • Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò non è possibile, sostituire l’elemento con altro fornito dal fabbricante del giunto
Controllo linearità martelletti Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo perno rotazione giunto girevole

Visivo e funzionale

  • Visivo: parallelismo dei due nuclei
  • Funzionale: corretta rotazione
Se i controlli sono negativi occorre scartare l’elemento

IMPALCATI PREFABBRICATI

(non strutturali)

 

Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Visivo

Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori:

  • Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento
  • Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio
Controllo orizzontalità piani di calpestio Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo assenza di deformazioni negli appoggi al traverso Visivo e/o funzionale Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo efficienza dei sistemi di collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura, bullonatura e cianfrinatura)

Visivo:

  • Integrità del sistema di collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura
  • Assenza, nel sistema di collegamento, di cricche, distacchi ed ossidazioni penetranti per saldatura

Se il controllo è negativo:

  • Scartare l’elemento, o
  • Procedere, a cura del fabbricante del ponteggio, al ripristino dell’efficienza dei sistemi di collegamento
BASETTE FISSE Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo orizzontalità piatto di base Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
BASETTE REGOLABILI Controllo marchio come da libretto Visivo Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l’elemento
Controllo orizzontalità piatto di base Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo verticalità stelo Visivo Se il controllo è negativo occorre scartare l’elemento
Controllo stato di conservazione della filettatura dello stelo e della ghiera filettata

Visivo e funzionale

  • Visivo: stato di conservazione della filettatura
  • Funzionale: regolare avvitamento della ghiera
  • Se i controlli, visivo e funzionale, sono negativi occorre scartare l’elemento
  • Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò non è possibile, scartare l’elemento

N.B.: Per le verifiche relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede, trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di sommità, scala, parasassi), riportati nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo, modalità di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per gli elementi sopraelencati.

  1- VERIFICHE DURANTE L’USO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

  • Controllare che il disegno esecutivo:
  • Sia conforme allo schema tipo fornito dal fabbricante del ponteggio;
  • Sia firmato dal responsabile del cantiere per conformità agli schemi tipo forniti dal fabbricante del ponteggio;
  • Sia tenuto in cantiere, a disposizione degli organi di vigilanza, unitamente alla copia del libretto di cui all’autorizzazione ministeriale.
  • Controllare che per i ponteggi di altezza superiore a 20 metri e per i ponteggi non conformi agli schemi tipo:
  • Sia stato redatto un progetto, firmato da un ingegnere o architetto abilitato a norma di legge all’esercizio della professione;
  • Che tale progetto sia tenuto in cantiere a disposizione dell’autorità di vigilanza, unitamente alla copia del libretto di cui all’autorizzazione ministeriale.
  • Controllare che vi sia la documentazione dell’esecuzione, da parte del responsabile di cantiere, dell’ultima verifica del ponteggio di cui trattasi, al fine di assicurarne l’installazione corretta ed il buon funzionamento.
  • Controllare che qualora siano montati sul ponteggio tabelloni pubblicitari, graticci, teli o altre schermature sia stato redatto apposito calcolo, eseguito da Ingegnere o da Architetto abilitato a norma di legge all’esercizio della professione, in relazione all’azione del vento presumibile per la zona ove il ponteggio è montato.
    In tale calcolo deve essere tenuto conto del grado di permeabilità delle strutture servite.
  • Controllare che sia mantenuto un distacco non superiore a 20 cm tra il bordo interno dell’impalcato del ponteggio e l’opera servita.
  • Controllare che sia mantenuta l’efficienza dell’elemento parasassi, capace di intercettare la caduta del materiale dall’alto.
  • Controllare il mantenimento dell’efficienza del serraggio dei giunti, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio, riportate nel libretto di cui all’autorizzazione ministeriale.
  • Controllare il mantenimento dell’efficienza del serraggio dei collegamenti fra gli elementi del ponteggio, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio, riportate nel libretto di cui all’autorizzazione ministeriale.
  • Controllare il mantenimento dell’efficienza degli ancoraggi, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio riportate nel libretto di cui all’autorizzazione ministeriale.
  • Controllare il mantenimento della verticalità dei montanti, ad esempio con l’utilizzo del filo a piombo.
  • Controllare il mantenimento dell’efficienza delle controventature di pianta e di facciata mediante:
    – Controllo visivo della linearità delle aste delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta;
    – Controllo visivo dello stato di conservazione dei collegamenti ai montanti delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta;
    – Controllo visivo dello stato di conservazione degli elementi di impalcato aventi funzione di controventatura in pianta.
  • Controllare il mantenimento in opera dei dispositivi di blocco degli elementi di impalcato.
  • Controllare il mantenimento in opera dei dispositivi di blocco o dei sistemi antisfilamento dei fermapiedi.