Normative scale fisse con gabbia (tipo 4047)

Search inside website

Normative scale fisse con gabbia (tipo 4047)

Con la presente siamo a dichiarare che le scale a pioli verticali con gabbia di protezione, tipo 4047, sono conformi alla legge italiana: D.L.81, art. 113,comma 2. Si dichiara inoltre che la suddette scale sono costruite secondo i criteri applicabili della normative tedesche DIN 18799 parte 1 e 3 del 08/1999 e DIN 14094 del 04/1991.

La decisione della Commissione della Comunità Europee del 27/10/2006 ha sancito che la normativa tecnica EN ISO14122-4 (scale fisse con gabbia per accesso macchinari) non garantisce ottimali criteri di sicurezza per i lavoratori.

Teniamo tuttavia a ribadire che anche il nuovo testo unico della sicurezza sancisce l’obbligatorietà della gabbia per scale a pioli fisse alte più di metri 5.

L’uso di scale con il solo binario anticaduta al posto della gabbia e‘ consentito solo dal decreto di pari efficacia del ministero del lavoro DM 23.3.1998, tuttavia decisamente restrittivo.

Le scale senza gabbia con anticaduta per essere a norma di legge devono essere:

– certificate da laboratorio autorizzato

(tutta la scala, non vale la certificazione del solo anticaduta secondo EN 353);

– certificate secondo DM 23.3.1998 (Norme FN – EN non sono nemmeno citate dal DM)

– avere un sistema di sicurezza automatico che impedisca l’utilizzo della scala senza anticaduta.

Riassumendo, le scale con gabbia sono e restano a norma di legge, sebbene possano avere dei limiti nel garantire la massima sicurezza dell’utilizzatore, come giustamente suggerito dalla commissione europea.

Le scale con anticaduta (nate per tralicci, pozzetti e cantieri) sono meno pratiche: sono utilizzabili esclusivamente da professionisti autorizzati e qualificati, soggetti a corsi annuali di formazione per l’utilizzo di DPI anticaduta.

Soprattutto, le scale con dispositivo anticaduta attualmente in commercio ci risultano essere fuori legge (nemmeno fuori norma), e lo saranno almeno fino a quando non saranno certificate secondo DM 23.3.1998.

Resta compito del progettista scegliere la soluzione ritenuta più idonea.

Distinti saluti.

FRIGERIO CARPENTERIE SPA